Berlusconi a casa

Banchetto Sel in piazza, raccolte 400 firme

Donne in coda contro Silvio «Basta festini, ora dimissioni»
da La Tribuna di Treviso, 23 gennaio 2011

banchetto treviso.jpgTrevigiane in coda per chiedere le dimissioni di Berlusconi. Durante l’intera giornata di ieri il partito di Sinistra Ecologia e Libertà ha allestito un banchetto a porta San Tomaso e al Duomo per chiedere ai trevigiani di sottoscrivere due appelli. Il primo a sostegno della Fiom e dei lavoratori, il secondo dell’associazione «Giustizia e Libertà». Più di 400 le sottoscrizioni raccolte.
 Quest’ultimo per chiedere le immediate dimissioni di Berlusconi alla luce dei recenti fatti di cronaca. Stando ai numeri, l’iniziativa ha riscosso successo in particolare tra le donne: in tantissime, di tutte le età ed estrazione sociale, hanno atteso in fila il loro turno per sottoscrivere la petizione. Hanno apposto la loro firma per chiedere non solo le immediate dimissioni del premier ma anche la sua presenza in aula davanti ai magistrati. L’appello, elaborato da Gustavo Zagrebelsky, Paul Ginsborg e Sandra Bonsanti per Giustizia e Libertà e disponibile anche online nel sito dell’associazione, ha già ottenuto grosso consenso in tutto il territorio nazionale: in pochi giorni sono già 52 mila le firme raccolte a cui ora si andranno ad aggiungere quelle trevigiane, 400 in poche ore. «Siamo molto soddisfatti del consenso dimostrato dalla cittadinanza – ha dichiarato il coordinatore del circolo trevigiano Sel Roberto Carlucci – in poche ore abbiamo raccolto centinaia di firme per chiedere le dimissioni di Berlusconi alla luce della sua pessima gestione e del caso Ruby. A firmare sono state soprattutto le donne, dai quarant’anni in su, che hanno deciso di partecipare all’appello indipendentemente dal colore politico. Crediamo che sia un segnale significativo». (s.g.)

Berlusconi a casaultima modifica: 2011-01-23T11:58:34+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento