Solidarietà e sostegno ai lavoratori Indesit

http://www.oggitreviso.it/files/Indesit124.jpg

Esprimiamo il pieno sostegno ai lavoratori della Indesit di Refrontolo in lotta per il mantenimento del sito produttivo e per la difesa del posto di lavoro.
Denunciamo la miopia del gruppo dirigente della multinazionale italiana, incapace di vedere il valore delle professionalità acquisite dai lavoratori e dalle lavoratrici dell’Indesit e perciò pronta a disfarsi di loro.

L’atteggiamento della Indesit ricorda il caso Fiat Pomigliano, con l’azienda che condiziona il suo piano di investimenti in Italia (che comporta comunque la chiusura dei due stabilimenti di Refrontolo e Brembate, annunciata via comunicato stampa come decisione già presa dai vertici aziendali) ad una riduzione delle pause e diminuzione dell’indennità di turnazione, cioè lavorare di più per meno soldi. L’espansione del modello Pomigliano a livello nazionale significa di fatto scaricare sui lavoratori tutto il peso della crisi e della competizione internazionale. Chiediamo alle istituzioni locali di fare tutto il possibile per salvare l’insediamento produttivo di Refrontolo, con i suoi posti di lavoro.

Anche se il Governo ha dichiarato di volerlo cambiare, è ancora vigente l’articolo 41 della Costituzione che recita: “L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.” La responsabilità sociale dell’impresa comporta che non si utilizzino i lavoratori come usa e getta, variabili del tutto dipendenti dagli interessi momentanei della proprietà dell’azienda. Il Governo ha incentivato fiscalmente il settore degli elettrodomestici e arredamenti, su richiesta delle aziende del settore, e non è accettabile che si risponda con la perdita di posti di lavoro, preludio a nuove delocalizzazioni verso l’estero.

Crediamo che sui nostri lavoratori e sulle loro capacità professionali si debba scommettere ed investire, scegliendo con forza la strada dell’innovazione e dell’eco-compatibilità. Pensiamo che non bastino le parole, ma che servano atti concreti, per contrastare una deindustrializzazione che non cade dal cielo, ma che è frutto di precise scelte di politica economica che trovano l’appoggio di tanta parte della destra nostrana.

Nella seduta del Consiglio Provinciale del 13 luglio presenteremo un documento a sostegno della lotta dei lavoratori Indesit di Refrontolo che devono sentire tutto l’appoggio, non solo a parole, delle istituzioni locali.

I consiglieri provinciali
Stefano Dall’Agata, Luca De Marco, Stefano Mestriner

Postato in: lavoro | Messo il tag: 

Solidarietà e sostegno ai lavoratori Indesitultima modifica: 2010-07-07T22:52:31+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento