Memoria e diversità

La memoria come culto delle diversità

vendola3.jpg

Le ronde degli anni 30 parlavano una lingua molto simile alle ronde di oggi. La caccia all’ebreo, allo zingaro, al diverso. Il potere, oggi come ieri, è figlio di un’antropologia per bianchi normodotati e si sente in diritto di criminalizzare la diversità.
La memoria, quindi, non può più essere un giorno, o lo sterile esercizio cerebrale; deve essere piuttosto una sorta di culto delle diversità, perché anche oggi, nei campi di Rosarno, nel Mare Mediterraneo, o in una qualsiasi via del centro delle nostre città si riproducono i segni del male e della sua banalizzazione.

Nichi Vendola

Memoria e diversitàultima modifica: 2010-01-27T16:08:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento