la Provincia per l’acqua pubblica

Il Consiglio Provinciale contro la privatizzazione dell’acqua

 

 

acqua2.jpgNell’ultimo consiglio provinciale (30 novembre) è stato approvato all’unanimità un ordine del giorno presentato dai gruppi della Sinistra che si opponeva alle recenti disposizioni in materia di privatizzazione dell’acqua, proponeva alla Regione di impugnare la legge alla corte costituzionale e di sostenere la totale ripubblicizzazione della gestione dell’acqua. Per la maggioranza è intervenuto Marco Fighera il quale, oltre che consigliere provinciale, riveste il ruolo di presidente dell’Alto Trevigiano Servizi, la società di gestione del servizio idrico dei comuni della Destra Piave, che ha riportato anche il parere dell’assemblea della società, composta dai sindaci dei 54 comuni interessati, di assoluta contrarietà rispetto all’ingresso obbligatorio di soggetti privati nella gestione dell’acqua.

Da parte nostra, oltre ad aver ribadito l’opposizione all’ingresso obbligatorio dei privati nella gestione dell’acqua e alla sua conseguente mercificazione, abbiamo chiesto un atto concreto da parte alla Provincia, di rivedere la decisione presa nel 2003 di uscire dal Centro Internazionale Civiltà dell’Acqua. Del Centro hanno continuato invece a far parte le province di Belluno e Venezia. Il Presidente Muraro ha affermato che è allo studio una ipotesi di rientro all’interno del Centro, concordata con le nuove amministrazioni delle due province confinanti.

 

Luca De Marco

consigliere provinciale Sinistra Democratica – Sinistra e Libertà

 

la Provincia per l’acqua pubblicaultima modifica: 2009-12-08T22:38:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento