Verso Copenhagen

GIUNTE SOLLECITINO GOVERNO A FAR DI TUTTO PER ACCORDO POSITIVO.

I gruppi consiliari di Sinistra e liberta’ di tutta Italia presenteranno nei prossimi giorni nei consigli comunali, provinciali e regionali di tutta Italia il seguente ordine del giorno, in vista del vertice di Copenaghen sui cambiamenti climatici. Lo rende noto un comunicato l’ufficio stampa di Sinistra e Liberta’.
L’Odg impegna la giunta a “sollecitare il governo e quanti rappresenteranno il nostro paese a Copenaghen a fare di tutto per giungere ad un accordo positivo che in parte sostituisca in parte integri il protocollo di Kyoto, valorizzando quanto gia’ deciso a livello europeo e sostenendo l’obiettivo europeo di una riduzione del 30% delle emissioni entro il 2020, rifiutando l’opzione nucleare”. Inoltre, i impgna a “sollecitare la giunta ad accelerare l’attuazione del Piano energetico ambientale regionale- Pear e ogni ente pubblico a fare quanto possibile per ridurre le emissioni di gas serra e per promuovere diffusamente fonti rinnovabili, efficienza e risparmio energetici”.


PROVINCIA DI TREVISO

Treviso li 24 novembre 2009

 

Al Signor Presidente Della Provincia di Treviso

Al Signor Presidente Del Consiglio Provinciale

 

Mozione: Vertice Copenaghen

 

Il Consiglio Provinciale di Treviso

 

  • ricordato che dal 7 al 18 dicembre si svolge a Copenaghen la quindicesima Conferenza delle Parti della Convenzione ONU sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) e la quinta Riunione delle Parti del Protocollo di Kyoto;

  • considerato che organismi e assemblee dell’ONU, insieme a gran parte dei capi di stato e di governo si erano impegnati a firmare a Copenaghen un accordo per la riduzione delle emissioni dei gas serra fino al 2020 e fino al 2050 coerente con la drastica riduzione chiesta dal panel mondiale di scienziati (IPCC);

  • valutato che il protocollo di Kyoto fu firmato nella terza conferenza delle parti della UNFCCC (dicembre 1997), è entrato in vigore nel febbraio 2005, fissava impegni di riduzione dei gas serra per i 39 paesi più industrializzati nel 1990 e terminerà comunque la sua efficacia nel 2012;

  • ipotizzato che servano circa tre anni per la ratifica e l’entrata in vigore di un nuovo accordo dopo la sua approvazione;

  • apprezzato che si moltiplicano appelli ed iniziative per chiedere che a Copenaghen si firmi un accordo vincolante di ulteriore riduzione dei gas serra, differenziato fra i 39 paesi più inquinatori del Novecento e gli altri paesi, con sanzioni e fondi adeguati per tecnologie e adattamento

 

impegna la Giunta Provinciale di Treviso a:

 

  • sollecitare il Governo e quanti rappresenteranno il nostro paese a Copenaghen a fare di tutto per giungere ad un accordo positivo che in parte sostituisca in parte integri il protocollo di Kyoto, valorizzando quanto già deciso a livello europeo e sostenendo l’obiettivo europeo di una riduzione del 30% delle emissioni entro il 2020, rifiutando l’opzione nucleare;

  • sollecitare la Giunta regionale ad accelerare l’attuazione del Piano Energetico Ambientale Regionale e ogni ente pubblico a fare quanto possibile per ridurre le emissioni di gas serra e per promuovere diffusamente fonti rinnovabili, efficienza e risparmio energetici;

  • accelerare l’attuazione di ogni iniziativa coerente con gli obiettivi provinciali di sviluppo sostenibile e con l’Agenda XXI approvata a Rio nel 1992

 

I Consiglieri

 

Stefano Dall’Agata

 

Marco Scolese

 

Luca De Marco

 

Stefano Mestriner

 

Donata Demattè

 

Claudio Dus

 

Marlene Rossetto

 

Lorenzo Biagi

 


Verso Copenhagenultima modifica: 2009-11-30T08:13:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento