Treviso, la provincia non-line

Sito della Provincia: veste nuova, ma contenuti vecchi

Nessuna accessibilità agli atti ufficiali, prevalenza della propaganda, trasparenza da migliorare

 

censura.gifIn contemporanea con l’apertura della nuova sede al Sant’Artemio, la Provincia ha messo on line la nuova interfaccia del sito dell’Ente.

Al giorno d’oggi il sito di una istituzione non è più solo il portale pubblicitario nel quale mettere in mostra la propria immagine migliore, ma è un elemento essenziale per la trasparenza e la comunicazione istituzionale nei confronti di cittadini  e imprese.

Per questo la revisione del sito meritava una grande attenzione e un coinvolgimento ampio, che come al solito non c’è stato. Il Consiglio Provinciale non è stato neppure informato dell’iniziativa.

Poteva invece essere l’occasione per rendere il sito più ricco di contenuti, e soprattutto più ricco di trasparenza.

 

atti pubblici on-line

Nella nuova versione del sito, come nella precedente, non esiste la possibilità di consultare le delibere del Consiglio o della Giunta provinciale. Questo significa che l’utente non è in grado di poter conoscere le iniziative dell’Ente, cosa fa effettivamente la Provincia, se non attraverso le presentazioni  preparate dallo staff del Presidente, che ovviamente selezionano le cose da far conoscere e quelle da lasciare nell’ombra. Oltre ovviamente alle comunicazioni ufficiali su bandi e concorsi, che non possono mancare in un sito istituzionale.

Tutte le altre province del Veneto mettono on line i documenti ufficiali prodotti dall’Amministrazione. Precisamente:

DOCUMENTI CONSULTABILI ON LINE

Provincia

Delibere di Giunta

Delibere di Consiglio

Determine dei dirigenti

BELLUNO

SI

SI

SI (estremi senza testo)

PADOVA

SI (degli ultimi mesi)

SI (degli ultimi 6 mesi)

NO

ROVIGO

SI

SI

NO

VENEZIA

SI

SI

SI

VERONA

SI

SI

SI

VICENZA

SI

SI

SI

TREVISO

NO

NO

NO

 

Sul sito della Provincia di Verona sono scaricabili pure i Decreti del Presidente della Provincia

Ad eccezione del sito della Provincia di Padova, in tutti gli altri le delibere possono essere trovate attraverso un motore di ricerca, dunque per data, per numero o per argomento. Anche uscendo dai confini del Veneto, si vada sul sito della provincia di Trento, o di Pordenone o di Ferrara, ugualmente si possono facilmente rintracciare delibere di Giunta  e Consiglio.

La situazione, dunque, è questa: un qualsiasi cittadino veneto, non trevigiano, che vuole prendere visione di una delibera della Provincia, si collega al sito e in pochi minuti trova quello che cerca. Un cittadino trevigiano, invece, deve compilare una richiesta ufficiale di accesso agli atti, anche on line, nella quale indicare tutti i propri dati anagrafici e le motivazioni della richiesta. Entro 3 giorni dalla richiesta deve far avere copia del proprio documento di identità. Dopodiché la Provincia ha 30 giorni per evadere la richiesta, e il richiedente entro 15 giorni deve presentarsi per il ritiro della documentazione, una volta pronta. Anzi, prima si deve passare dall’economo provinciale a pagare il corrispettivo (euro 1,55 per diritto di ricerca più 0,05 a fotocopia), e poi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico per il ritiro.

Una maglia nera, dunque, tra tutte le province del Veneto. Al presidente Muraro, che è anche al suo turno di presidenza dell’Unione delle Province del Veneto, chiediamo che si adoperi per superare il primato negativo della sua amministrazione.

trasparenza

Un altro compito fondamentale svolto oggi dai siti degli enti pubblici è quello di garantire la trasparenza di incarichi, compensi, presenze e contratti del personale. Qui ci sono precisi obblighi di legge:

         incarichi di collaborazione e consulenza: è obbligatorio pubblicare sul sito i provvedimenti completi di incarico con indicazione di a chi, per cosa e per quanto viene affidato il lavoro

         dati sul personale: è obbligatorio pubblicare sul sito le retribuzioni, i curricula, i recapiti e i tassi di presenza e assenza di tutti i dirigenti, nonché il tasso di presenza e assenza del personale settore per settore

         contrattazione integrativa: è obbligatorio pubblicare sul sito tutti i dati relativi alla contrattazione integrativa

Anche qui vediamo la situazione provincia per provincia:

Provincia

consulenze

personale

contrattazione

BELLUNO

SI

SI

SI

PADOVA

SI

SI

SI

ROVIGO

SI

SI

SI

VENEZIA

SI

SI

SI

VERONA

SI

SI

SI

VICENZA

SI

SI

NO

TREVISO

SI

SI

NO

 

Il livello di accessibilità alle informazioni, vale a dire la facilità con la quale si arriva a visualizzare nel sito questo tipo di informazioni, è molto variabile da un sito all’altro. In quello della provincia di Treviso c’è stato un netto miglioramento: prima i dati erano reperibili solo per chi sapesse chiaramente cosa cercare e dopo una lunga ricerca all’interno del sito. Ora è stato attivato un pulsante apposito, “operazione trasparenza”, che è però di difficile visualizzazione perché visibile solo nella home page e in una posizione, molto in basso a destra, che nella maggior parte dei pc non è visualizzabile se non scorrendo verso il basso la pagina. In altri siti l’accessibilità è molto migliore, come nei casi di Belluno,Venezia, Verona, Rovigo, mentre va peggio nel sito di Padova e soprattutto di Vicenza.

In definitiva, anziché preoccuparsi di far sbarcare la provincia in faceboock o twitter, che poi non è altro che cercare nuovi canali pubblicitari per le imprese meravigliose della giunta e del presidente, sarebbe il caso che si mettesse all’ordine del giorno una revisione autentica e sostanziale delle caratteristiche del sito, mettendo al primo posto la facilità di accesso da parte dei cittadini alle informazioni reali sulla attività amministrativa della provincia, sia con la consultabilità degli atti pubblici emanati che con la accessibilità alle informazioni sul personale e sugli incarichi. Un discorso specifico meriterebbe anche la pubblicità dei lavori del Consiglio Provinciale, ma su questo ci riserviamo di intervenire in seguito.

 

 

Luca De Marco

consigliere provinciale Sinistra Democratica- Sinistra e Libertà

 

Treviso, la provincia non-lineultima modifica: 2009-11-23T23:15:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento