Urbanistica: no al centralismo regionale

URBANISTICA ALLE PROVINCE:MURARO RIVENDICA DIGNITA’ PER LE PROVINCE, MA ANCORA UNA VOLTA PREDICA BENE E RAZZOLA MALE

 casetta.jpg

 

Il presidente della Provincia di Treviso ha presentato agli organi di informazione il vademecum ai Comuni sull’applicazione del cosiddetto Piano Casa.

Uno strumento senz’altro utile, che fornisce indicazioni ai Comuni che tendono a limitare per quanto possibile i possibili danni che un’applicazione estensiva del Piano Casa potrebbe provocare a un territorio già pesantemente compromesso come il nostro; si tratta di linee guida che rispettano la filosofia del PTCP adottato lo scorso anno.

Purtroppo però, in preda al solito impeto autopropagandistico, Muraro omette di ricordare che le linee guida sul Piano Casa sono frutto di un lavoro approfondito iniziato nella Commissione Consiliare competente: un lavoro che è iniziato anche su proposta dei consiglieri del centrosinistra e al quale il Presidente non si è mai degnato di partecipare.

E’ patetico non fare riferimento all’impegno dei consiglieri, di opposizione e anche di maggioranza, che si sono impegnati nei lavori di commissione affinché alcune delle misure di tutela e governo del territorio previste dal PTCP non venissero compromesse da una legge regionale mal concepita come quella sul Piano Casa.

L’omissione di Muraro è patetica almeno tanto quanto il tentativo che la Regione sta facendo di rinviare per l’ennesima volta la delega di competenze in materia urbanistica alle province, che peraltro Muraro denuncia a gran voce.

Serve coerenza: inutile fare i difensori della competenze dell’ente, mentre i propri colleghi di partito in regione tentano con un blitz di fine mandato di scippare le competenze alle Province.
Ci auguriamo che Muraro abbia almeno l’onestà di riconoscere che, mentre i leghisti in Regione tentano un furto di competenze alle Province, i consiglieri della sinistra e del centrosinistra sono stati gli unici a difendere, in modo coerente con la legge, le competenze di quelle province, come Treviso, che rispettando il dettato normativo si sono dotate del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale.

Siamo di fronte all’ennesimo esempio di come il federalismo tanto invocato dalla Lega si traduca in una moltiplicazione di centralismi regionali. Non se ne può più della smania accentatrice della Regione Veneto. Muraro, se vuol essere coerente, si unisca alla sinistra nel chiedere un vero federalismo anche in Veneto

 

Stefano Mestriner, consigliere provinciale comunisti italiani

Luca De Marco, consigliere provinciale Sinistra e Libertà

Urbanistica: no al centralismo regionaleultima modifica: 2009-10-08T01:23:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento