Rimborsi elettorali: no alla truffa, vadano a Riese

il Consiglio Provinciale ha approvato mercoledì 1 luglio all’unanimità l’ordine del Giorno presentato dai Gruppi di Sinistra e Libertà (Sinistra Democratica, Movimento per la Sinistra) dove si chiede che i soldi per i rimborsi elettorali per le europee negati a chi non ha raggiunto il 4% vengano destinato al ristoro dei danni della tromba d’aria di Riese, anzichè venire spartiti tra i partiti che hanno deciso la soglia del 4% per penalizzare gli altri.

L’euro-truffa della marca per la ricostruzione di Vallà 

Grazie ad una “interessante gabella” introdotta a modifica della legge elettorale, a poche settimane del voto europeo, i partiti presenti in parlamento (tutti!) si spartiranno “fratescametne” la bellezza di 251 (e rotti) milioni di euro abilmente truffati ai cittadini prima, ed ai picoli partiti poi!

E’ questo il motivo che ci ha spinto a presentare l’odg per Riese Pio X che sarà in discussione come primo punto all’ordine del giorno del consiglio provinciale dell’1 luglio 2009.

Mi spiego meglio.

Introducendo la soglia di sbarramento (discutibile) del 4%, i partiti maggiori presenti in parlamento hanno pensato bene di mettere una (altrettanto discutibile) soglia di sbarramento per ricevere i rimborsi elettorali previsiti per legge.
Il Senato della Repubblica ha posto questo sbarramento al 2%, la Camera invece lo ha in via definitiva alzato al 4% ma (e qui scatta l’euro-truffa !) ha anche stabilito che gli eventuali rimborsi spettanti ai partiti che non avrebbero raggiunto il quorum, piuttosto che tornare nelle casse dello Stato (dunque dei cittadini) sarebbero stati suddivisi quota-parte tra i partiti maggiori che hanno approvato questa legge!

Come se non bastasse, il rimborso elettorale se lo calcolano ad 1 euro per avente diritto di voto e non 1 euro ad elettore!
Per cui, truffa e doppiatruffa.

Inutile gridare allo scandalo e alla vergogna…ce n’è che basta nell’Italia della seconda repubblica!!

Allora ci siamo rimboccati le maniche e calcolatrice alla mano “abbiamo fatto i conti”!!!

Bene, la quota spettante allo Stato che invece si sono intascati i partiti maggiori ammonta a 251 (e rotti) milioni di euro!!
Sinistra e Libertà ha chiesto che chi ha “sottratto” ai cittadini abbia la gentilezza di “rimediare” pagando con i 250 milioni la ricostruzione dell’università de L’Aquila.
Però, a parte aver ricevuto gli attestati di stima dal rettore dell’università, di quattrini neanche l’ombra!

Ma il sottoscritto, De Marco e Dall’Agata, come consiglieri di Sinistra e Libertà ci siamo chiesti:

Quali sono le “quota-parte” di quest’euro truffa nella Marca? Quanto incasseranno in più del “dovuto per legge” questi partiti che “se la sono cantata e se la sono suonata”?

Bene, solo per la differenza 1 euro per avente diritto di voto piuttosto che 1euro ad elettore i partiti grossi beccheranno (euro più euro meno) le seguenti cifre:

La LEGA della marca riceverà 247.507€ anzichè 160.719€ cioè 86.788€ in più del “dovuto per legge” ogni anno per 5 anni
Il PDL della marca riceverà 194.830€ anzichè 126.513€ cioè 68.317€ in più del “dovuto per legge” ogni anno per 5 anni
Il PD ” ” 130.213€ anzichè 84.554€ cioè 45.659€ in più del “dovuto per legge” ogni anno per 5 anni
L’IDV ” ” 55.726€ anzichè 36.186€ cioè 19.540€ in più del “dovuto per legge” ogni anno per 5 anni
L’UDC ” ” 40.383€ anzichè 26.223€ cioè 14.160€ in più del “dovuto per legge” ogni anno per 5 anni

A questi vanno aggiunti i 52.962€ non assegnati ai partiti che non hanno raggiunto il quorum e che si “mangeranno” quota parte ogni anno per 5 anni

PER UN TOTALE COMPLESSIVO DI 287.427€ ALL’ANNO CHE NEI 5 ANNI DI MANDATO SONO 1.437.137 € che invece di essere nelle casse dei cittadini della Marca, andranno nelle casse dei partiti maggiori che “zitto tu, zitto io” si sono confezionati la legge a puntino.

La nostra proposta in sintesi è: voi partiti grossi della marca, avete ricevuto i rimborsi elettorali che vi spettavano? Bene ciò che invece avete preso IN PIU’ per la modifica/truffa apportata alla legge elettorale, datelo ai cittadini. Restituitelo versandolo nel C/c aperto dal sindaco di Riese Pio X per la ricostruzione.

1 milione e mezzo di euro in 5 anni non sono risolutivi visti i danni a Vallà, ma stanno meglio a Riese che nelle casse dei partiti!
1 milione e mezzo di euro in più non sono molta roba sui 110 milioni di danni solo all’edilizia residenziale ma pesano più di tante passerelle istituzionali (leggi consiglio provinciale straordinario) e del “dichiarazoinismo facile” dei politici “grossi” che si accompagna disdicevolmente con appelli a “darsi una calmata” da un lato e “sculacciate dall’altro”.

Basta. Mettete mano al portafogli e ridate indietro quanto “moralmente” non vi appartiene…

Marco Scolese

Movimento per la Sinistra

 

Rimborsi elettorali: no alla truffa, vadano a Rieseultima modifica: 2009-07-02T01:17:05+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento