Per la legalità democratica e la lotta alle mafie

 

Ordine del giorno:

Per la legalità democratica e la lotta alle mafie

 

 

IL CONSIGLIO PROVINCIALE

 

considerato

 

  • che in vaste zone del paese, un vero e proprio “contropotere” criminale si oppone alla legalità democratica. Si fonda sull’accumulo di ricchezze illegali, esercita il dominio dei più forti sui più deboli attraverso l’uso della violenza, nega i più elementari diritti di cittadinanza, tenta di piegare ai suoi scopi le istituzioni democratiche, inquina la società e l’economia;

 

  • che le mafie non sono dunque solo un problema di ordine pubblico, né costituiscono un pericolo solo per le regioni meridionali. Rappresentano la più forte insidia alla convivenza civile, alla saldezza e alla credibilità delle istituzioni democratiche, al corretto funzionamento dell’economia. Impediscono lo sviluppo della democrazia e il pieno esercizio dei diritti dei cittadini;

 

  • che il diritto al lavoro, all’istruzione, alla sicurezza, alla giustizia non potranno essere goduti da nessuno se non si sconfigge l’illegalità organizzata. In questa battaglia, in prima fila, vi sono i corpi dello Stato, impegnati nell’azione di repressione. Ma al loro fianco, in questi anni, si è mobilitata gran parte della società civile, giovani, uomini e donne, associazioni del volontariato laico e cattolico. Un vasto variegato mondo dell’impegno civile che chiama le istituzioni, di ogni ordine e grado, a svolgere un ruolo di stimolo, di coordinamento e di sostegno all’azione di contrasto alla criminalità.

 

Preoccupato dal fatto che le infiltrazioni criminali non sono più limitate alle tradizionali zone d’insediamento; le enormi fortune acquisite con il traffico della droga vengono reinvestite nei circuiti finanziari e penetrano nell’economia legale, nuove attività criminali danno vita ad un vorticoso giro d’affari, si stringono patti perversi con ogni forma di potere occulto e con il sistema della corruzione.

 

Riconoscendo l’opportunità di sensibilizzare l’opinione pubblica, soprattutto dei più giovani, su queste problematiche,

 

SI IMPEGNA

a valutare le azioni più idonee allo scopo, anche in collaborazione sia con altre Istituzioni, che con Associazioni e Categorie, costituendo un apposito fondo destinato a iniziative di supporto e sensibilizzazione alla lotta alle mafie a partire dalle questioni ecomafie, tratta e usura.

 

Approvato all’unanimità

TREVISO, 1 aprile 2009

Per la legalità democratica e la lotta alle mafieultima modifica: 2009-04-03T23:32:47+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento