La Regione taglia le cooperative sociali

Mario Bertolo denuncia i tagli della Regione

 da La Tribuna di Treviso, 19 marzo 2009

«Cooperative sociali, sono tagli indiscriminati»

 

CASTELFRANCO. «Dopo le scuole materne parrocchiali, adesso si passa ai tagli alle cooperative sociali». Mario Bertolo, portavoce de La sinistra castellana, punta il dito contro la giunta regionale per i tagli alle coop venete. «La scure dei tagli indiscriminati del centrodestra che governa la nostra regione – dice Mario Bertolo – colpisce un altro settore fondamentale come quello delle cooperative sociali che garantisce molti servizi socio-assistenziali e dà risposte concrete a tante situazioni di disagio. Nel fornire tutto il nostro appoggio nelle sedi istituzionali, esprimiamo la forte preoccupazione per le gravi conseguenze che potrebbero derivare da certe scelte irresponsabili. In questo momento di crisi, tagliare il sostegno a queste realtà rischia di alimentare una «battaglia» tra poveri». Qualche giorno fa Bruno Pozzobon, rappresentante delle cooperative sociali castellane, a denunciare i tagli dei finanziamenti regionali per il 2009. Invece dei 5-6 milioni richiesti dalle coop venete da Venezia solamente 2 milioni. Troppo poco per realtà così importanti per il territorio veneto e castellano. Le cooperative castellane occupano circa 1.000 persone per un fatturato complessivo di 50 milioni di euro annuo. E la spesa complessiva per i salari è di 35 milioni di euro. «Lega Nord e Forza Italia – aggiunge Bertolo – cercano di attribuire la responsabilità al patto di stabilità fissato dal loro governo a Roma. In realtà, anche in questo caso si tratta di scelte precise che, invece di investire nei servizi fondamentali come i servizi rivolti alle fasce sociali più deboli dirottano la spesa dove il ritorno elettorale è maggiore». (d.q.)

 

La Regione taglia le cooperative socialiultima modifica: 2009-03-19T15:48:38+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento