Caso Englaro: trionfa il dogmatismo di stato

eluana2.jpgOggi abbiamo la conferma di vivere in un paese con un governo di stampo integralista, che non tiene minimamente in considerazione che la repubblica italiana sia ancora e nonostante tutto laica: un governo che non si assoggetta né alle leggi né alla Costituzione e che pensa di cambiare le regole del gioco quando queste non siano più di suo gradimento.
Sul caso di Eluana si è scritto e detto troppo, ma non si può tacere il fatto che una donna ridotta a vegetale sia suo malgrado il campo di battaglia di uno scontro tra le gerarchie cattoliche camuffate da governo italiano e il sentire comune, molto più variegato e sfaccettato e lontano da verità spacciate come assolute e che non sente proprie. Ad eccezione di quella del presidente della camera Fini, non ci sono state posizioni laiche, aperte al dubbio, frasi che inizino con un “secondo me, forse”.
Il dogma di alcuni sta diventando realtà per tutti, impossibilitati ormai a decidere con la propria coscienza su questioni così profonde .
Secondo i sondaggi –tanto cari al nostro presidente del consiglio- la maggior parte degli italiani è favorevole alla sospensione dell’alimentazione forzata e comunque non è corretto entrare nella vita delle persone e delle famiglie che vivono questo dramma senza alcun aiuto, ma alzando sopra le loro teste la clava burocratica.
Per quanto riguarda il sig. Englaro, penso che non ci sia dolore, frustrazione, beffa più grande del sentire definire ciò che è diventata sua figlia “una persona che potrebbe anche generare”, un’incubatrice senza coscienza e senza desiderio di maternità ed il fatto di essere donna diventa un ulteriore ostacolo nel suo percorso naturale di avvicinamento alla morte.
Il governo faccia un passo indietro e si ricordi che siamo in uno stato laico e che quindi le scelte etiche e politiche devono essere indipendenti da vincoli ideologici: il potere temporale si è concluso due secoli fa ed ora non vorremmo nemmeno trovarci in situazioni simili al Sud America degli anni 70.

Alessia Grassigli, Associazione per la Sinistra Treviso

leggi qui articoli di umberto veronesi.doc, di ignazio marino.doc, di stefano rodotà.doc

Caso Englaro: trionfa il dogmatismo di statoultima modifica: 2009-02-07T00:49:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento