La Lega scarichi il prete antisemita e negazionista

La scelta del Vaticano di cancellare la scomunica per i tradizionalisti anticonciliari lefevriani non poteva essere più intempestiva. Non che il Vaticano, che è uno stato estero, sia tenuto a rispettare la legge della Repubblica Italiana che ha istituito il 27 gennaio come giornata della memoria, affinché non si perda il ricordo della tremenda barbarie dei campi di sterminio. Ma davvero sconcerta che nello stesso periodo siano state rilanciate tesi negazioniste dai vescovi appena riammessi nelle grazie della Chiesa.

Ora questa triste vicenda, che la dice lunga sui tempi cupi che stiamo vivendo, di piena regressione culturale, politica e civile, ha un tristissimo risvolto trevigiano.

L’esponente del movimento dei seguaci di Lefébvre, noto fiancheggiatore della Lega Nord e di Forza Nuova, rappresentante dei lefebvriani del Nordest, rilascia alla stampa dichiarazioni deliranti e gravissime, indegne e gravemente offensive nei confronti delle vittime dell’olocausto. In altri paesi, come la Germania, queste dichiarazioni avrebbero fatto aprire un procedimento penale.

auschwitz.jpgLe capziose argomentazioni portate dal religioso dimostrano un triste consuetudine di questo signore con la letteratura negazionista tanto cara agli ambienti dell’estrema destra. Una serie di fanfaluche pseudo scientifiche costruite ad arte per instillare dubbi su una realtà assolutamente incontrovertibile come quella della Shoah.

A questo punto ci aspettiamo una presa di posizione forte delle autorità religiose, politiche e istituzionali per isolare questo triste personaggio.

In particolare la Lega Nord, da tempo sostenitrice del movimento integralista di Lefebvre e in ottimi e continui rapporti con questo signore, (ricordiamo che il signor Abrahamovicz è immancabile presenza alle iniziative leghiste, fa le messe per Bossi, fa convegni con Borghezio, benedice il Parlamento Padano, predica da Radio Padania contro i vescovi come Tettamanzi) prenda ufficialmente le distanze da simili personaggi, lo escluda da tutte le sue manifestazioni, non lo inviti a parlare dalla Radio di Partito.

E per quanto riguarda la Chiesa, siamo certi che i fedeli cattolici si porranno un serio problema sull’opportunità di sdoganare personaggi del genere. Il vescovo cattolico di Regensburg ha disposto il divieto di accesso a tutte le chiese e a tutte le istituzioni della diocesi per il vescovo negazionista lefebvriano Richard Williamson. Confidiamo che si prenderà qualche provvedimento nei confronti di Abrahamovicz.

Luca De Marco

                                        leggi il testo dell’intervista a Abrahamovicz.doc a La Tribuna

La Lega scarichi il prete antisemita e negazionistaultima modifica: 2009-01-29T18:18:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento