No all’equiparazione tra Partigiani e repubblichini : ODG in Provincia

 

Al Signor Presidente del Consiglio Provinciale di Treviso

Premesso che

È all’esame del Parlamento la proposta di Legge n. 1360, presentata da Lucio Barani e altri parlamentari della maggioranza, nella quale si prevede l’istituzione di una onorificenza denominata “Ordine del Tricolore”, da conferire a tutti gli italiani che hanno partecipato alle Guerra del 1940-45 sia nell’esercito regolare italiano, sia nelle formazioni della Resistenza, sia “agli ex prigionieri o internati nei campi di concentramento o di prigionia, nonché ai combattenti nelle formazioni dell’esercito nazionale repubblicano durante i biennio 1943-45”. Vengono cioè equiparati coloro che dopo l’8 settembre combatterono per la liberazione dal nazi-fascismo e coloro che combatterono a fianco delle forze occupanti tedeschi per la Repubblica Sociale.

Considerato che:

i vantaggi economici per gli aventi diritto a questa onorificenza sono poco rilevanti, trattandosi di 200 euro all’anno. Ma la sostanza del provvedimento è quella di porre sul medesimo piano storico e di valore coloro che dopo l’8 settembre combatterono contro i partigiani a fianco dell’occupante tedesco, spesso partecipando alle stragi di civili e collaborando alla deportazione nei campi di sterminio, e coloro che combatterono per la libertà e diedero un apporto fondamentale alla liberazione del paese da parte delle forze alleate.

Valutato che

la pietà verso i caduti di tutte le parti non può portare ad una malintesa “pacificazione” storica intesa come annullamento delle differenze.

La pacificazione nei fatti è già avvenuta. Già subito dopo la fine del conflitto vi fu l’amnistia, e gli eredi della Repubblica Sociale hanno potuto, grazie alla Costituzione democratica, fondare un proprio partito e partecipare alla vita istituzionale del paese, fino ad arrivare oggi ad occupare le massime cariche dello Stato. La “pacificazione” che metta sullo stesso piano fascisti e partigiani non sarebbe una pacificazione, ma una vera e propria dichiarazione di guerra contro la verità e la storia del nostro paese.

Il Consiglio Provinciale di Treviso

Esprime la propria totale non condivisione dei contenuti della proposta di legge 1360 ora all’esame del Parlamento

Chiede a tutti i parlamentari, a partire da quelli veneti, che facciano valere le ragioni della obiettività storica e i valori fondanti della Repubblica Italiana e respingano, conseguentemente, questo ennesimo tentativo di utilizzo politico e di riscrittura faziosa della storia del nostro paese

Treviso, 21 gennaio 2009

I Consiglieri:

Luca De Marco

Stefano Mestriner

Stefano Dall’Agata

Marco Scolese

No all’equiparazione tra Partigiani e repubblichini : ODG in Provinciaultima modifica: 2009-01-23T19:44:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento