a Treviso Selezione Miss Padania con soldi pubblici

Giovedì 13 novembre 2008, alle ore 21.00, presso il Teatro Eden avrà luogo la “Selezione di Miss Padania 2009”. Sarà ospite ansa104214182005131434_big.jpgdella serata il Gruppo Folcloristico Trevigiano.L’ingresso è gratuito e aperto al pubblico.

Questo riporta l’apertura della home page del sito internet del Comune di Treviso.

Ci scusiamo allora per avere dato credito ai giornali locali che hanno scritto numerosi articoli sui conti in bilico del comune, sull’illuminazione natalizia pagata dai commercianti, sul patto di stabilità da rispettare e poi scoprire quasi per caso che il Comune di Treviso evidentemente ha soldi da sperperare.Vorremmo far sapere che il Comune stanzia 5000 euro per una manifestazione di questo tipo, che nulla ha a che spartire con la cultura o i costumi locali, ma pare soprattutto una manifestazione di partito: non ci risulta infatti che la Padania riguardi altri gruppi politici oltre la lega. La cifra in questione non è esorbitante, ma è di certo molto soprattutto considerando che è stata prelevata dal fondo di riserva e quindi a stanziamento di bilancio esaurito.Vorremmo che i trevigiani fossero meglio informati di come il Comune gestisce i soldi comuni e questo non è un gioco di parole, ma il prendere atto della leggerezza con cui a Ca’ Sugana si prendono alcune decisioni con il denaro pubblico.Oltre alla questione economica, l’altro aspetto che colpisce in modo negativo è l’essenza stessa della manifestazione: l’elezione di una miss, lo svilimento della donna – meglio se muta dato il contesto – a puro oggetto. Le cittadine trevigiane meritano più considerazione da parte dei loro amministratori, impegnati soprattutto in operazioni di facciata piuttosto che nell’esercitare e diffondere la cultura del rispetto e delle differenze.  

Alessia Grassigli, Pia Colleoni, Stefano Dall’Agata , Bruno Schiavon

Sinistra Democratica Treviso

a Treviso Selezione Miss Padania con soldi pubbliciultima modifica: 2008-11-13T05:51:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento