uno di noi, uno dei loro

Le leggi razziali furono un male assoluto, il fascismo un fenomeno più complesso

1706444594.jpg

 

Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, a poche ore dalla visita al museo dell’Olocausto di Gerusalemme, dove si trova in pellegrinaggio con altri esponenti politici italiani. Nel febbraio del 2003 Gianfranco Fini, in procinto di recarsi in Israele, parlò del «fascimo come male assoluto», definizione criticata all’epoca proprio da Alemanno.

«Mi sembrava sbrigativo definirlo il male assoluto», spiega il primo cittadino della capitale. Un’affermazione «eccessiva» e «ingenerosa nei confronti di tanti che avevano aderito a quell’esperienza». Tuttavia, ricorda, «non criticai il viaggio di Fini». «Il fascimo fu un fenomeno più complesso» aggiunge. «Molte persone vi aderirono in buona fede e non mi sento di etichettarle con quella definizione. Il male assoluto sono le leggi razziali volute dal fascismo e che ne determinarono la fine politica e culturale».

522078701.jpg

 

 

uno di noi, uno dei loroultima modifica: 2008-09-09T16:08:00+02:00da sdtv
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento