Morire di lavoro, il lusso che non dobbiamo concederci

morti.jpgRoberto Pillon, operaio,  è morto ieri a 52 anni nella azienda dove lavorava, a Rovererdo in Piano, travolto da lastre di acciaio pesanti tonnellate

Sinistra Ecologia Libertà esprime tutta la propria vicinanza al dolore dei famigliari di Roberto Pillon, morto di lavoro, schiacciato dall’acciaio nell’azienda “Cimolai” di Roveredo in Piano e originario del trevigiano.

Non vogliamo e non dobbiamo rassegnarci al fatto che vi siano, ancora nel 2011, migliaia di uomini e donne che partono al mattino per andare al loro e non tornano mai più alle loro case e ai loro affetti.

La lotta per la sicurezza sui luoghi di lavoro deve essere sempre al centro dell’attenzione delle forze politiche e sociali e delle istituzioni, anche di fronte ad una maggioranza e ad un Governo che legiferano in tutt’altra direzione.

Il ministro Tremonti ha affermato che la legge 626 è un lusso che non ci possiamo permettere. Noi riteniamo che siano queste morti l’orrendo lusso che dobbiamo smettere di permetterci.

Luca De Marco

coordinatore provinciale Sinistra Ecologia Libertà

Morire di lavoro, il lusso che non dobbiamo concederciultima modifica: 2011-03-09T13:10:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento